Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

Il modello blended


Nello Studio di caso 1 viene proposta una figura di tutor che, in un contesto di scuola primaria, adotta il modello di formazione blended, una tipologia formativa molto interessante, flessibile e ricca di potenzialità, perché, integrando momenti in presenza e momenti di training on line , supportati dalla mediazione tecnologica, consente di intervenire su contesti formativi, costituiti da corsisti ancora poco avvezzi all’interazione a distanza e/o eterogenei per competenze informatiche e uso degli strumenti, condizioni molto frequenti soprattutto nell’ambito delle nostre scuole. La modalità blended merita quindi una riflessione ed un approfondimento.

Ritengo che possa essere utile analizzarne le specificità metodologiche, organizzative e operative.

L’Editoriale di Stefano Cacciamani, Beatrice Ligorio, Paola Spadaro, Donatella Cesareni, Bianca Maria Varisco, Blended learning per un modello di associazione e di ricerca, in http://formare.erickson.it/archivio/novembre05/editoriale.html mette in evidenza la difficoltà di una univoca definizione del modello, la sua riconosciuta efficacia in specifici contesti formativi ed infine la molteplicità delle esperienze di blended learning .

febbraio 19, 2009 - Posted by | modelli didattici

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: