Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

Web 2.0 open source al servizio di e-learning ed e-tutor


Quanto è determinante il web 2.0 open source per la figura dell’e-tutor?

Lascio a voi la risposta.

I primi due moduli del corso di perfezionamento on line (Tutor on line 2009 / 2010 – Università di Macerata) mi hanno fatto riflettere su una serie di fattori a cui non avevo mai pensato:

  • stiamo utilizzando la piattaforma di e-learning OLAT, con licenza open source, sviluppata pochi anni fa da un gruppo di giovani come si può vedere in questo video
  • ho appena usato l’embed di una risorsa video on line grazie ai server di YouTube, che non solo mi permettono gratuitamente di svolgere il ruolo di fruitore ma mi danno anche la possibilità di aprire gratuitamente un canale pubblico o privato in cui inserire ad esempio i videotutorial di un qualsiasi corso on line
  • stiamo condividendo risorse on line con del.icio.us, un ottimo social network, dei quali siamo fruitori non paganti
  • stiamo sperimentando l’utilizzo di Wiki, che ricorda molto Wikipedia, il più famoso strumento di scrittura collaborativa on line, dei quali possiamo diventare gratuitamente autori
  • stiamo collaborando alla stesura a più mani di una mappa concettuale sulla figura dell’e-tutor: anche in questo caso stiamo utilizzando uno strumento open source, Mindmeister
  • stiamo scrivendo in modo collaborativo su WordPress, il più famoso CMS open source per creare blog
  • possiamo inserire i nostri commenti/contributi in blog altrui, canali video altrui, wiki altrui, mappe concettuali altrui, link altrui…direi che la parola “altrui” implica dinamiche collaborative.

Al di là dei miei elenchi puntati (avrete capito che sono la mia mania)…direi che il web 2.0 open source ama l’e-learning e di conseguenza i tutor on line.

Voi cosa ne pensate?

Advertisements

febbraio 15, 2010 - Posted by | riflessioni, video | , , ,

2 commenti »

  1. Così, di primo acchito, mi vien da pensare che probabilmente il web 2.0 open source ama l’e-learning perchè entrambi in qualche modo nascono da una esigenza di diffusione di sapere, conoscenze, strumenti anche al di fuori degli ambienti “eletti”: dove l’e-learning permette a tantissime persone di continuare a studiare e a imparare, nonostante la mancanza di tempo, l’avanzare degli anni, ecc…, il web 2.0 open source permette a molti di accedere a risorse e strumenti informatici che, altrimenti, sarebbero inarrivabili per preparazione richiesta e per motivi economici.
    L’e-tutor … ringrazia e, benedicendo gli sviluppatori che permettono un costante miglioramento del web 2.0 open source, usa con gran felicità i risultati del loro lavoro. 🙂

    Commento di niulute | febbraio 16, 2010 | Rispondi

  2. Certo, il legame è serrato fra tutor e web 2.0. D’altronde è questo che ha permesso alla formazione a distanza di vincere la “solitudine del discente” e le ha fatto fare quel salto di qualità che permette a tutti noi di essere qui e di credere, in quanto formatori, nel nuovo mezzo.

    Commento di gigicu4 | febbraio 16, 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: