Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

Un solo modello di tutor? Impossibile!


Durante la fase di riflessione dell’edizione 2009/10 del corso Tutor on line mi sono reso conto, interagendo nel forum con i colleghi corsisti, che “adottare” in seno ad un corso un solo modello di tutoraggio e rimanervi coerenti sino in fondo è, spesso, praticamente un’impresa inattuabile.

Questa netta sensazione la ricavo dalla molteplicità dei bisogni, delle occasioni, delle esigenze che scaturiscono sia sul piano prettamente individuale (e come tale rappresentate dai corsisti) sia dai profili di implementazione del corso medesimo.

Mi spiego meglio: quando una consegna risulti poco chiara magari non ad un solo corsista, ma a diverse persone, il problema non è solo attinente ad un approccio inadeguato del singolo ai materiali od alle modalità di interazione (e potrebbe anche non essere solo di tipo squisitamente psicologico), quanto, piuttosto. potrà dipendere dalla non ottimale selezione dei testi, dalla difficoltà di funzionalizzare una o più letture alle esigenze di apprendimento prefigurate in quella specifica parte del corso, dalla difficoltà di rendere produttiva una modalità di interazione ad es. sincrona a causa della tendenza a divagare di molti corsisti.

In tal caso il supporto del tutor si dovrà sviluppare, necessariamente, su di una molteplicità di piani. Innanzitutto, in veste di docente, dovrà fornire indicazioni precise su come andrà sviluppata una consegna, su quali siano gli elementi su cui soffermarsi in determinate letture proposte, su quali siano le modalità di attuazione, ad es., di una chat, che possano rendere la stessa proficua per tutti i partecipanti (ad esempio definendone e circoscrivendone al massimo il tema, calibrando la partecipazione di soggetti propositivi, riflessivi, polemici, precisando accuratamente i ruoli che dovranno rivestire in un contesto di simulazione e così via).

Talvolta il sostegno da fornire al singolo dovrà essere necessariamente sviluppato su piani diversi e combinati tra loro, ad es. su quello prettamente didattico e psicologico. Dunque, quel che almeno a me appare evidente è che le classificazioni delle tipologie di tutor che si rinvengono in letteratura, per quanto ritagliate su specifici modelli di didattica on line (e dunque anche di selezionata utenza virtuale in base a livello culturale, omogeneità ed obiettivi di apprendimento), è assai difficile che possano seguire lo stesso percorso sempre (soltanto istruttore, soltanto facilitatore etc.) . Anzi, proprio la constatazione che il corso da me frequentato, bene o male, fosse rivolto ad una platea fortemente selezionata di studenti post-laurea molti dei quali alle prese con esperienze di lavoro (spesso di docenza) e dunque con un certo grado di omogeneità, nonostante ciò ha richiesto sovente interventi da parte delle tutor di diverso “segno”: ora di chiarimento delle consegne, ora di moderazione degli interventi nel forum, ora di sostegno psicologico ed incoraggiamento, ora di verifica del lavoro svolto e monitoraggio.

Tutto questo mi fa concludere che le classificazioni scientifiche hanno un valore in quanto categorie di massima, ma ben difficilmente trovano attuazione integrale misurandosi con le esigenze di una classe virtuale.

Le diverse modalità di interazione tutor/studenti, pertanto, sembrano doversi necessariamente combinare ed intrecciare nel concreto dell’esperienza didattica a distanza: solo in tal modo sarà possibile raccogliere i risultati migliori da tale esperienza di apprendimento.

Roberto Pellegrini

Advertisements

aprile 19, 2010 - Posted by | riflessioni | ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: