Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

Un buon inizio


Ricordo ancora senza neanche un grammo di rimpianto il primo giorno di ogni scuola o corso frequentato, quella sensazione di imbarazzo, a tratti di inadeguatezza, il lancio di sguardi reciproci a chiedersi “ci parliamo o lasciamo stare?”, gli approcci goffi e quelli più leggeri dei colleghi più disinvolti (da me invidiati senza ritegno!)… In ogni corso inoltre ce n’era almeno uno che pensava positivo e sorrideva guardandosi intorno e almeno uno il cui sguardo lasciava trapelare pensieri tipo “tanto lo so che siete tutti imbecilli e che quelli del corso parallelo saranno sicuramente meglio!”

Ora, ritengo che un corso on-line, se da un lato può avere degli svantaggi, dall’altro ha degli aspetti originali e intriganti e il cercare di riprodurre quanto accade in presenza rischia spesso di annullarli. Per parlare più concretamente direi che sicuramente la mancanza di fisicità è limitante per tante cose ma, volendo volgerla al positivo, potrebbe essere anche di aiuto nel rompere il ghiaccio, nell’evitare alcuni pregiudizi, nel rapportarsi agli altri con uno scopo preciso…

I mezzi di cui la rete dispone dovrebbero pertanto essere utilizzati anche per rompere gli schemi tradizionali e tentare nuovi approcci.

Penso che la partenza, come nei gran premi, sia di grande importanza.

La rete dà la possibilità di evitare tutto quel pesante momento iniziale, fa conoscere ognuno con tutti gli altri fin dall’inizio e magari in modo originale, con un fumetto, una battuta, una sciarada, una canzone, …! (vedi ice breakers). In presenza risulterebbe ancora più pesante e imbarazzante, ma in rete…potrebbe essere un modo per rompere il ghiaccio e partire col piede giusto, magari persino un modo per stupire un po’ e far abbassare la guardia e i pregiudizi di chi li ha.

Non so perché ma ho idea che l’inizio sia il momento della “chimica”, il momento cioè in cui deve scattare qualcosa, una sorta di dinamica virtuosa che più avanti sarebbe molto difficile ricreare a forza. Dall’impostazione cominci subito a capire il clima e dal primo sguardo al menù “senti” se ti perderai di lì a poco, se tutto filerà abbastanza liscio o se dovrai faticare più di quanto vorresti per riuscire ad orientarti.

Credo che il tutor online, per essere davvero efficace, debba conoscere soprattutto i limiti degli strumenti che propone di utilizzare cercando di prevedere anche in che modo gli utenti potrebbero trovarsi in difficoltà per giocare d’anticipo con indicazioni chiare ed efficaci.

aprile 21, 2010 - Posted by | tutor online | , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: