Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

The Really Useful #EdTechBook


edtechbookE’ freschissimo di stampa “The Really Useful #EdTechBook2 una pubblicazione curata da David Hopkins e attualmente disponibile in e-book e formato cartaceo. Una versione pdf del libro è liberamente scaricabile dal seguente sito web : http://www.dontwasteyourtime.co.uk/books/the-really-useful-edtechbook/.

Il testo, che raccoglie i contributi di diversi esperti, si focalizza su esperienze, riflessioni e aspettative di coloro che lavorano nel campo educativo usando le tecnologie.  Diversi sono i contesti descritti, l’educazione nella prima infanzia, l’istruzione superiore, il museo e i gli ambienti professionali.

Annunci

febbraio 1, 2015 Posted by | libri | , | Lascia un commento

Video-educazione: nuovi scenari per la formazione degli insegnanti


formare1L’attuale numero (Vol 14, N° 2) dell’open journal per la formazione in rete FORM@RE è dedicato alla video-educazione. Come specificato nell’editoriale:

questo numero di Form@re presenta ricerche ed esperienze incentrate sulla progettazione e sullo studio di ambienti di apprendimento per gli insegnanti potenziati dall’uso del video con lo scopo di sostenere gli insegnanti (in diverse fasi della loro carriera e provenienti da diversi Paesi) nel cambiamento delle pratiche didattiche.
Il numero contiene articoli scritti da studiosi provenienti da sette Paesi (Canada, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Svizzera e Stati Uniti). Questa è una prova della diffusione del video a livello internazionale come strumento di apprendimento per gli insegnanti.

novembre 24, 2014 Posted by | periodici | , , | Lascia un commento

Virtùalmente: un MOOC per diventare dei virtuosi digitali


Il corso sarà disponibile a partire dal 20 novembre 2014 sulla piattaforma di Open Education dove sarà necessario registrarsi. Il corso, gestito come MOOC, sarà quindi gratuito e aperto a tutti gli insegnanti e  alle scuole che dovessero essere interessate alle tematiche.

Come indicato nel sito del CREMIT l’iniziativa è svolta dall’Istituto Toniolo, in collaborazione con Cremit (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, all’Informazione e alla Tecnologia dell’Università Cattolica), ILAB e Formazione Permanente dell’Università Cattolica.

Il corso tratterà le sette virtù, cardinali e teologali. Esse (interpretate non in senso teologico) funzioneranno da dispositivo concettuale per toccare una serie di temi che riguardano l’etica dei nuovi media e la cittadinanza responsabile nella prospettiva dell’educazione.

novembre 20, 2014 Posted by | corsi | , , , , , , | 1 commento

I social network nell’educazione


Il testo  “I social network nell’educazione. Basi teoriche, modelli applicativi e linee guida“, scritto da Maria Ranieri e Stefania Manca, si rivolge a studenti, insegnanti, formatori e policy makers. Si affronta il tema sotto diverse dimensioni: l’aspetto teorico riguardante l’educazione ai nuovi media di cui i social network rappresentano uno delle espressioni più attuali e l’aspetto applicativo  dell’apprendimento e della formazione con tale medium.
E’ possibile visionare un estratto del testo nel sito ufficiale della casa editrice Erickson. Il libro si compone anche di due appendici, una sezione dedicata alle “schede di buone pratiche” e un’altra dedicata alle “Schede tecniche”.

Vai alla scheda del libro.

novembre 2, 2013 Posted by | libri | , , , , | 1 commento

Corso gratuito presso Università degli Studi di Milano-Bicocca


E’ stato attivato per l’anno accademico 2012/2013 un corso gratuito per aspiranti insegnanti dal titolo “La rivoluzione digitale nel mondo della scuola:percorsi innovativi per futuri insegnanti”. Il corso è destinato alle seguenti categorie di utenti:

– studenti universitari che aspirano all’insegnamento nella scuola primaria;

– insegnanti abilitati non occupati;

– laureati che aspirano all’insegnamento nella scuola secondaria.

Il corso verrà erogato in modalità blended con attività didattiche in aula e esperienze online. Per maggiori informazioni consultare il bando.

settembre 12, 2012 Posted by | corsi | , , , | Lascia un commento

“Il galateo della rete”


Frequentando il corso di formazione a distanza “Tutor on line” ho avuto l’opportunità di riflettere sull’aspetto della Netiquette, aspetto che spesso si dà per scontato o addirittura si sottovaluta… Probabilmente non essendoci contatto fisico con gli altri utenti del web, né confini spazio-temporali, si pensa che internet sia un mondo “privo di regole”, dove tutto è permesso perché “nessuno vede o sente”: ecco che  vengono a mancare quel buon senso e quella buona educazione che sono essenziali anche negli ambienti virtuali e nelle relazioni in rete.

A tal proposito ho trovato una risorsa piuttosto interessante che consiglio di leggere, il cui link è :

http://www.bio.unipd.it/local/internet_docs/netiq.html

Qui dapprima si dà una definizione generale della Netiquette  ( da  Net – rete – e Etiquette – Etichetta o Galateo – ) come di un insieme di semplici regole per il rispetto delle risorse del web e degli altri utenti dello stesso, di seguito si specificano i corretti comportamenti da seguire nell’uso di alcuni specifici strumenti on line, quali:

– posta elettronica

– gruppi di discussione

– trasferimento di dati e documenti

– “World Wide Web”.

E’ importante che tutti conoscano e osservino tali norme: il tutor, lo studente e tutti coloro che  utilizzano la rete, anche se per fini diversi dalla formazione.

maggio 8, 2012 Posted by | comunicazione, comunità, riflessioni | , , , , | Lascia un commento

Matel: indagine a livello europeo sulle “key technologies in Education”



Vi invitiamo a partecipare all’indagine condotta da Menon e promossa dal centro “Institute for Prospective Technological Studies” (IPTS ) afferente alla Comunità Europea il cui obiettivo è identificare e analizzare le key technologies che nei prossimi 5/10 anni avranno un ruolo di supporto per la formazione.

La descrizione dell’indagine sottolinea che nel questionario proposto il concetto di “tecnologia” deve essere inteso nel suo valore più ampio (strumenti, applicazioni e tendenze).

Chi volesse partecipare può compilare il questionario  entro il 26 febbraio 2012 al seguente indirizzo:  http://server2.scienter.org/limesurvey/index.php?sid=16158&lang=en.

gennaio 25, 2012 Posted by | sondaggi | , , , | Lascia un commento

sondaggio per edubloggers


Sei un edublogger? Inoltriamo un’inziativa relativa a un sondaggio sull’uso del blog nella didattica. I risultati saranno oggetto di una presentazione alla conferenza IATEFL sabato 18 aprile 2011.

Il sondaggio propone tre liste di risposte per la medesima domanda: Why do you blog?

Alla fine del sondaggio è possibile visionare le statistiche delle risposte raccolte.

Se volete supportare l’iniziativa usate il seguente link: http://tiny.cc/EduBlogSurvey01

aprile 7, 2011 Posted by | sondaggi | , , , | Lascia un commento

web 2.0 e “conversazione” educativa


Grazie al corso Sloop2desc ho conosciuto la risorsa che inserisco in questo post. E’ una presentazione di Pierfranco Ravotto sul tema dell’educazione e sul suo rapporto con il concetto di comunicazione. Lo slideshow è provvisto di audio, buona visione!

dicembre 17, 2010 Posted by | presentazione | , , | Lascia un commento

EDUCARE ANCHE A DISTANZA, MA SENZA DISTANZE


<< Se non possediamo un volto, non possiamo essere riconosciuti dagli altri>>, afferma lo studioso Lèvinas.

Uno dei compiti fondamentali dell’educazione è quello di portare il soggetto alla costruzione della propria identità, sia dal punto di vista personale, che sociale e professionale.

Ne emerge un intervento pedagogico che si rivolge alla globalità del soggetto, protagonista attivo del suo percorso formativo.

La mia piccola esperienza nel campo formativo, mi fa riflettere quotidianamente su quali strumenti siano necessari a chi si occupa di educazione per operare al meglio nella propria realtà professionale.

Il ruolo dei docenti e degli allievi, all’interno del processo formativo, si è gradualmente trasformato nel corso del tempo; si è delineato un tipo di formazione tesa a valorizzare le capacità e potenzialità del soggetto e nel contempo finalizzata a garantire l’acquisizione di quel bagaglio personale e culturale, necessario per poter rispondere umanamente e professionalmente ai bisogni della società attuale.

Spesso mi capita di “intervistare” persone anziane, giovani di ieri, alle quali chiedo di raccontare l’esperienza di studenti del loro tempo; mi vengono descritti  austeri maestri, che con bacchetta e sguardo severo, imponevano ai propri scolari disciplina, regole pre-confezionate e noiose poesie da imparare a memoria..

La società moderna, nella quale siamo immersi, esige  una profonda trasformazione del concetto di formazione ed di educazione e delle modalità di trasmissione e divulgazione del sapere.

Fattori economici, sociali e politico-culturali hanno reso inadeguato il modello tradizionale caratterizzante la figura dell’educatore; è stato quindi necessario ridefinire il ruolo di chi si occupa di formazione alla luce della realtà contemporanea.

L’Ottocento e il Novecento, come sappiamo, sono secoli forieri di grande progressi, soprattutto dal punto di vista tecnologico; in particolare l’invenzione del computer ha davvero agevolato lo scambio di contenuti, testi, suoni, immagini; la  tecnologia oggi si configura innegabilmente come uno dei preziosi strumenti, utili nella formazione dell’individuo del tempo presente.

Oggi    docenti e discenti diventano di fatto co-protagonisti del delicato processo formativo, che li vede coinvolti; agli uni si richiede di fatto non solo una certa sensibilità, competenza e coscienza pedagogica, ma anche abilità e capacità di gestione rispetto all’insegnamento a distanza, di cui io stessa ho usufruito durante il mio percorso universitario; negli altri invece, viene sollecitata l’esigenza di dover acquisire nuovi e diversi mezzi, in modo da poter comprendere  meglio le dinamiche complesse che caratterizzano l’attuale mondo del lavoro, sempre più esigente, frastagliato e flessibile.

Alla luce anche della mia esperienza,  il ruolo delicato quanto complesso dell’e-tutor si delinea importante, in quanto volto ad accompagnare, sostenere ed orientare i propri interlocutori durante il percorso di formazione, che avviene, attraverso “artefatti cognitivi”, ovvero quegli “attrezzi” che ci regala la tecnologia, che se utilizzata con criterio, capacità critica e buon senso, è in grado di veicolare un sapere capillare, che arriva al cuore e alla mente di chi vuole imparare e arricchire le proprie risorse culturali e perché no, anche umane.

Queste sono le considerazioni che mi hanno spinta ad iscrivermi a un corso a distanza per tutor on line; certo internet e i suoi potenti mezzi possono determinare forme di conformismo o di interazione a volte poco proficua; inoltre le molte informazioni presenti in rete, i tanti strumenti “virtuali”possono comportare smarrimento e confusione; lavorare in rete deve quindi diventare luogo in cui s’impara a leggere con capacità critica l’informazione, che va selezionata attentamente e integrata con altre fonti.

I diversi tool di condivisione risorse, di collaborazione e comunicazione, oltre  a favorire lo scambio e l’intersoggettività, agevolano la costruzione collettiva di conoscenza, facilitano l’attivazione di processi, nonché il personale pensiero critico e l’apprendimento, che presuppone, come ci ricordano i costruttivisti, una natura sociale, attraverso cioè l’interazione con il contesto.

Io stessa durante la mia meravigliosa avventura universitaria in cui ho fruito della teledidattica, ho incontrato diversi  e-tutor, presenze impalpabili, ma sorprendentemente vicine, in grado di accorciare le distanze e di dare al tempo una dimensione diversa;  è anche grazie al loro supporto, psicologico, umano e professionale, che sono riuscita ad arrivare alla tanto agognata meta della laurea.

I tutors sono stati per me riferimento importante nel facilitare gli apprendimenti e i rapporti interpersonali, che si sono creati grazie alla rete, ma che continuano ancora oggi,  anche se sono trascorsi una manciata di mesi..

Queste le mie semplici riflessioni, che non volevano essere un elogio tout court  all’affascinante, lontano, ma vicinissimo mondo virtuale, ricco di contraddizioni e dicotomie,  ma solo piccola, viva testimonianza di una persona scettica e un po’ disorientata all’inizio, gradualmente e  irrimediabilmente conquistata dal “potere” del web.

marzo 5, 2010 Posted by | riflessioni, tutor online | , , | 1 commento