Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

La tecnologia ha reso l’e-mail meno asincrona?


L’e-mail è uno strumento di comunicazione asincrono, offre al tutor e ai corsisti la possibilità di comunicare in vari modi, con messaggi rivolti al gruppo intero (uno/molti – molti/molti), con messaggi tutor/corsista o viceversa (uno/uno). Può essere utilizzato per l’invio di richieste, di consegne (notifiche), per la discussione di momenti organizzativi e la socializzazione (progettazione – interazione). Favorisce, inoltre, il clima di apprendimento cooperativo poiché la comunicazione non è asimmetrica e unidirezionale, bensì simmetrica e multidirezionale, con assidui scambi fra emittente e ricevente/i, anche se l’intenzionalità della comunicazione è maggiormente affidata all’emittente. Le innovazioni tecnologiche hanno comunque avvicinato l’e-mail agli altri strumenti sincroni: l’e-mail, infatti, si può collocare tra il telefono e la scrittura tradizionale; se ci pensiamo bene, i tempi di interazione della posta elettronica non differiscono troppo da quelli dei sistemi sincroni (chat ecc.). Rispetto alla distinzione tradizionale fra sistemi sincroni e asincroni della CMC, negli ultimi anni si sono aperte delle possibilità ibride, dovute alla convergenza di tecnologie o di programmi in origine separati. Ad esempio, ICQ supporta funzioni che vanno dall’e-mail alla videoconferenza; il WAP permette di navigare in internet con il cellulare, di leggere e di rispondere alla posta elettronica; si può, inoltre, comunicare via sms invece di chiamare il proprio interlocutore, scegliendo l’una o l’altra modalità in base all’esigenza, al tipo di messaggio o alla circostanza. Ogni messaggio diventa così il frammento di un dialogo continuo, mediato ora dal computer ora dal telefono cellulare. L’integrazione dei media consente perciò di mantenere sempre aperto il canale della comunicazione, indipendentemente dalla posizione fisica degli interlocutori. Tuttavia, molti studi sulla CMC esprimono oggi l’insufficienza metodologica delle categorie sincrono – asincrono, che sono state elaborate guardando alla comunicazione fra postazioni fisse collegate in rete. Si può affermare, quindi, che i confini tra sincrono e asincrono sono destinati ad assottigliarsi sempre di più perché non dipendono solo dalle caratteristiche del mezzo ma anche dalla volontà degli utenti. Che cosa ne pensate?

Bibliografia

Calvani, A., Rotta, M. (1999) Comunicazione e apprendimento in rete. Costruttivismo e apprendimento in rete. Roma: Erickson.

Pistolesi Elena, Il parlar spedito. L’italiano di chat, e-mail e sms, 2004, Esedra.

marzo 13, 2010 Posted by | strumenti didattici, tutor online | , , , | Lascia un commento

come rendere più funzionali i forum?


Con questo breve intervento mi propongo di affrontare un aspetto fondamentale per la formazione on line che riguarda uno degli strumenti più utilizzati e a mio parere ancora migliorabili che supportano i processi di interazione e collaborazione: i forum. Mi è capitato sovente di perdermi nel labirinto di messaggi che aprono argomenti di discussione o li sviluppano all’interno di una tematica generale. La sensazione che provo di fronte ad una serie di nuovi messaggi che sono identificabili solo dal titolo e talvolta sono piuttosto numerosi, è quella di grande spaesamento e difficoltà di orientamento rispetto ad esempio alla scelta dell’ordine e dell’importanza di lettura. Ognuno di noi, nel seguire le attività, è guidato da proprie idee e obiettivi e nel momento in cui si collega desidera inserirsi nel discorso per portare il proprio contributo; il rischio in queste situazioni è di spendere non al meglio il proprio tempo dietro messaggi di cui non si coglie in quel frangente l’utilità rispetto al proprio punto di vista e alle proprie esigenze contingenti. Faccio riferimento ad esempio alle frequenti  comunicazioni che sono semplici risposte a carattere personale rispetto a precedenti interventi. Ma non solo. Di fatto credo che sia capitato a tutti di provare disorientamento, o di constatare che il tempo passa in letture che deviano dal topic. Insomma ho l’impressione che l’efficacia della comunicazione nei forum possa essere migliorata. Ma come? È un problema di tecnologia? O di socioquette? O delle due cose insieme?

Per quanto riguarda la tecnologia forse sarebbe utile avere la possibilità di leggere un anteprima breve dei messaggi (sul modello della posta in arrivo di gmail ad esempio) che permetta di avere un’idea del contenuto del messaggio; come secondo suggerimento potrebbe essere opportuno trovare una maniera di etichettare il contenuto del messaggio (ad es: risposta, integrazione di contenuti, sollecitazione, proposta, approvazione, ecc.).

Sul versante della socioquette credo che sia importante per tutti condividere alcune regole di utilizzo del forum con l’impegno preventivo rispetto ad una titolazione dei messaggi che identifichi con maggiore precisione il contenuto, tassativamente attinente.

Cosa ne pensate?

febbraio 16, 2010 Posted by | riflessioni, strumenti didattici | , | 4 commenti

Forum, giochi di ruolo e azioni del tutor


Interessante l’articolo di Iris Pinelli e Antonella Cosetti (Ctu – Università degli Studi di Milano) che tratta il tema dell’utilizzo del forum per attività didattiche come ad esempio i giochi di ruolo; l’articolo dal titolo: Un nuovo modello per la formazione al ruolo di eDocente: imparare Giocando presenta la descrizione della progettazione di un modulo di un corso online per la formazione dei docenti.

La progettazione del gioco di ruolo presentato riguarda lo sviluppo delle seguenti abilità:

“le abilità da acquisire a questo livello sono legate ad un uso creativo del forum quale strumento di dialogo, socializzazione, costruzione critica di significati e strumento per produrre contenuti. Le attività del modulo sono prevalentemente di tipo cooperativo o collaborativo”.

L’immagine presa dall’articolo evidenzia lo schema delle azioni del tutor, nello specifico lo schema dei flussi e delle tipologie di interazioni all’interno del “gioco di ruolo”.

 schema_tutor

agosto 28, 2009 Posted by | articoli | , , | Lascia un commento