Tutor Online: formazione, ricerca e condivisione

Uso di tablet a scuola: Biophilia Educational Program


Biophilia Educational Program è stato notato anche dalla New York Hall of Science.
E’ un progetto di didattica della musica e delle scienze con questi numeri:

  • 4 workshops
  • 4 settimane
  • 60 partecipanti tra i 10 e i 12 anni
  • 11 scienziati, 8 insegnanti di musica, 4 insegnanti di scienze
  • 15 iPads

Le attività di workshops nascono dalla collaborazione tra la cantante Bjork, la University of Iceland e la città di Reykjavik.
Maggiori informazioni nel seguente video.

Annunci

febbraio 1, 2012 Posted by | Tool, video, workshop | , , | Lascia un commento

USA: iPads nelle scuole materne


Già 10 anni fa il Maine fu il primo stato del paese a fornire laptops a tutti gli studenti della Middle School, ora con l’introduzione dell’iPad nel mercato e nel settore educativo (con le numerose applicazioni offerte) viene introdotto questo dispositivo mobile anche nella scuola dell’infanzia.

Quello che viene definito dal giornalista un “groundbreaking step in technology” è descritto chairamente sia dagli insegnanti/direttori della scuola sia dai piccoli allievi.

L’i Pad “accompagna” gli allievi che hanno bisogno di un supporto extra e fornisce ulteriori input a coloro che lo richiedono.

What kind of things did you learn on the iPad? Chiede l’insegnante e la risposta del piccolo è: letters, numbers, stories … I bambini sono evidentemente consapevoli di usare un dispositivo sì divertente e accattivante ma dal quale possono anche imparare a leggere!

Chiudo il post citando le parole di uno degli intervistati: “We have to be proactive and address students needs”.

Avete esperienze sull’uso di dispositivi mobili (iPad, tablets, iPhone etc) nelle scuole materne e elementari italiane? Se avete notizia di progetti in corso o conclusi saremmo lieti di averne notizia in questo blog!

aprile 9, 2011 Posted by | strategie didattiche, video | , | Lascia un commento

iPad: didattica e inclusione


iPad è un tablet della Apple con una funzionalità touch screen.  Le misure e il peso lo rendono un dispositivo mobile estremamente accattivante. Ne è appena uscita una seconda versione potenziata in alcune caratteristiche tecniche e grafiche.

La prima domanda è: cosa si può fare con un iPad? Non sostituisce un notebook ma puoi navigare, scrivere mail, scaricare e vedere video, fare una presentazione, usarlo come e-book reader, utilizzare le numerosissime applicazioni (molte sono free) per connettere molti dei servizi online di photosharing, blogging e microblogging. Ma soprattutto si può usare con applicazioni progettate per la didattica.

Il nuovo iPad 2 offre anche la possibilità di usarlo come lavagna condivisa attraverso il collegamento a un proiettore (via cavo VGA o HDMI ).

Prendendo spunto dall’articolo di Jonathan Nalder “iPad 2 – what’s in it for education?” si presentano alcune risorse per evidenziare le potenzialità di alcuni iDevices per l’apprendimento e soprattutto per una didattica dell’inclusione.

Un blog molto interessante è “Babies with iPads”, così come descritto dall’autore:

This blog is designed to document infants/toddlers with disabilities using an iPad to promote their development. I hope to show how this new technology can help children with disabilities develop their communication, play, pre-literacy, cognitive, visual/auditory and motor skills.

Si consiglia anche di seguire il gruppo “iTeach Special Education- iDevices in Special Education” in facebook, una risorsa inesauribile riguardante applicazioni per dispositivi mobili utili alla didattica speciale.

Infine la comunità di educatori sull’uso dell’iPad: “iPads in Education“, il network offre spunti di riflessione attraverso discussioni e blog sempre aggiornati.

marzo 5, 2011 Posted by | strumenti didattici | | 1 commento